Il tribunale fiscale si pronuncia sulla tassazione delle Bitcoin Prime

  • by

Il tribunale fiscale di Baden-Württemberg è stato il primo tribunale fiscale a pronunciarsi sulla tassazione delle transazioni di vendita con titoli criptati in un procedimento principale.

I fatti sono raccontati rapidamente: Nel 2015, il padre ha investito 700 euro nel portafoglio del figlio, che da allora in poi ha investito in vari titoli di Bitcoin Prime per conto del padre (come un cosiddetto fiduciario) attraverso borse estere. Nel 2017, il padre ha realizzato un guadagno di 31.904 euro in seguito alla vendita dei titoli cripto o al loro scambio con altri titoli cripto. Il padre ha dichiarato le plusvalenze nella sua dichiarazione dei redditi come altri redditi da operazioni di vendita privata.

Il padre ha presentato un’obiezione contro l’accertamento dell’imposta sul reddito, che corrispondeva essenzialmente alla sua dichiarazione dei redditi. L’ufficio delle imposte competente ha respinto l’obiezione, così che il padre ha presentato un ricorso al tribunale delle imposte.

Prima domanda: le criptovalute sono un “bene diverso”?

Questa controversia è decisiva per la tassazione come altri redditi da operazioni di vendita privata, cioè, tra l’altro, l’applicazione del limite temporale di un anno e il limite di esenzione di 600 euro. Questo perché, secondo la legge tedesca sull’imposta sul reddito, “le operazioni di vendita di altri beni economici per le quali il periodo tra l’acquisizione e la vendita non supera un anno” sono imponibili.

La più alta corte fiscale tedesca, la Corte fiscale federale, è molto generosa riguardo al termine “altri beni”. Così, il termine “include, oltre alle cose e ai diritti, le condizioni reali e le possibilità concrete, cioè tutti i vantaggi pecuniari, il cui ottenimento costa qualcosa al contribuente e che sono suscettibili di valutazione indipendente”.

Intervista di Taxfix

Il periodo di detenzione di Bitcoin sta per finire? Ecco cosa dovete tenere a mente quando presentate la vostra dichiarazione dei redditi

“I dettagli tecnici non contano in modo decisivo”.

Nei motivi della sua obiezione e della sua causa, il contribuente ha spiegato in dettaglio i processi tecnici e perché nessun “altro bene economico” nel senso della definizione potrebbe essere riconosciuto nel software, la chiave pubblica o la combinazione di chiave pubblica e chiave privata.

Tuttavia, né l’ufficio delle imposte né il tribunale delle imposte si sono occupati di questo: l’ufficio delle imposte ha fatto riferimento alla decisione del tribunale delle imposte di Berlino-Brandenburgo nel procedimento provvisorio (dove viene effettuato solo un esame semplificato), secondo il quale Bitcoin (e altre criptovalute) dovrebbero essere beni immateriali. La Corte Fiscale è stata concordemente d’accordo con questo.

“Ciò che costa così tanto è anche un bene economico”.

Gli alti prezzi raggiunti per le criptovalute in passato hanno mostrato chiaramente che i partecipanti al mercato lasciano che l’acquisizione della moneta virtuale costi qualcosa. Questo sarebbe essenzialmente già sufficiente, senza che le complessità tecniche siano rilevanti.

In questo modo, la Corte Fiscale è stata altrettanto maldestra nei suoi commenti su questa questione fiscale elementare quanto lo è stato il Ministero Federale delle Finanze nell’agosto 2021 nell’udienza virtuale sul progetto di una lettera del BMF sulle domande individuali sul trattamento dell’imposta sul reddito delle valute virtuali e dei token dal giugno 2021. La Corte Fiscale non ha affrontato gli argomenti rappresentati nella dottrina giuridica.

Seconda domanda: un deficit strutturale di esecuzione impedisce la tassazione?

Secondo il contribuente, la tassazione non dovrebbe avere luogo perché è incostituzionale a causa di un deficit strutturale di applicazione. Gli uffici fiscali non sarebbero in grado di tassare i guadagni di capitale da criptovalute se il contribuente non ha fornito le informazioni necessarie nella dichiarazione dei redditi. Il rischio di scoperta era molto basso.

Secondo il giudice tributario, tuttavia, l’ufficio delle imposte ha possibilità procedurali per ottenere le informazioni necessarie dagli scambi, almeno se ci sono indicazioni per diffidare della dichiarazione dei redditi del contribuente. Altrimenti, l’ufficio delle imposte può contare sul fatto che il contribuente presenti dati completi e corretti e non deve controllare i dati in dettaglio.

Anche se il legislatore tedesco finora “non aveva promulgato una legge sulla cripto-tassa”, questo non era necessario. Secondo la Corte Fiscale, il trading è stato un fenomeno marginale, almeno nell’anno contestato 2017, e il legislatore non doveva tassare immediatamente ogni sviluppo tecnico; quella era una decisione politica.

Via a Monaco!

Alla fine, dopo l’appello senza successo, il contribuente ha perso anche il secondo turno. Ora deve andare a Monaco per ottenere una decisione fondamentale dalla Corte fiscale federale. L’appello è stato ammesso e, secondo i rapporti, anche archiviato.

Chiunque abbia già dichiarato beni cripto nella sua dichiarazione dei redditi e abbia ricevuto un accertamento fiscale può presentare un’obiezione per iscritto, via ELSTER o per iscritto all’ufficio delle imposte entro un mese dal ricevimento dell’accertamento fiscale.

Questo impedisce che l’accertamento dell’imposta sul reddito diventi incontestabile e assicura che si possa ancora appellarsi alla (eventuale) decisione della Corte fiscale federale. Tuttavia, l’obbligo di pagare un pagamento supplementare in sospeso rimane.

Per coloro che non hanno ancora presentato una dichiarazione dei redditi, la sentenza mostra quanto sia elevato lo sforzo di documentazione per il contribuente. Senza il supporto di strumenti fiscali o di consulenti fiscali/avvocati, è quasi impossibile anche per un normale commerciante presentare una dichiarazione dei redditi legalmente conforme.